RISPARMIO IDRICO

 
USO CONSAPEVOLE DELL'ACQUAhome-ri3

Gli ultimi studi di settore dimostrano come in Italia la risorsa idrica teoricamente disponibile per uso idropotabile stia lentamente ma inesorabilmente diminuendo. Ciò è dovuto ad una pluralità di cause tra cui le più importanti sono la diminuzione delle precipitazioni, l’irregolarità dei deflussi e le inefficienze di gestione.

Gli effetti negativi iniziano già a farsi sentire: durante l’estate del 2007 il 15% della popolazione italiana, circa otto milioni di persone, ha vissuto situazioni di emergenza idrica con una disponibilità della risorsa sotto la soglia del fabbisogno idrico minimo di 50 litri di acqua al giorno per persona.

Tuttavia ancora oggi moltissime persone considerano l’acqua un bene inesauribile ed eternamente rinnovabile, senza quindi percepire l'inestimabile valore della risorsa.  Un utilizzo inadeguato delle risorse idriche compromette non solo gli equilibri ecologici globali, ma anche la qualità della vita dell'uomo.

Diventa quindi sempre più indispensabile che le istituzioni locali attuino una riflessione in merito alla gestione dell'acqua, per pensare ed agire ecologicamente.

L'acqua potabile è un bene fondamentale per la vita ma anche scarsa in molte parti del mondo. Imparare a rispettarla e a risparmiarla fa bene agli altri, ma prima di tutto a noi stessi.

Da un lato economico, sprecare acqua è anche un costo da sostenere. Pertanto laddove non arriva la morale speriamo almeno arrivi la logica del portafoglio. Consumare in modo razionale e ragionevole l’acqua potabile con semplici azioni quotidiane contribuisce a tutelarne la quantità e la qualità e a spendere diversi euro in meno.